Da oltre 50 anni, con l’introduzione della prima cassetta da incasso in materiale plastico, Geberit ha ridisegnato l’ambiente bagno, prima vincolato alla cassetta sospesa o a zaino. Ma è con l’introduzione del doppio tasto di risciacquo, negli anni ’90 che Geberit ha reso possibile una svolta epocale in termini di risparmio d’acqua, in ogni parte del mondo.

L’ultima frontiera di questa ricerca dimezza letteralmente il normale risciacquo utilizzando solo 4,5 lt per il risciacquo “grande”: si chiama Sigma8 ed è la nuova cassetta Geberit. Ancora più compatta con i suoi 8 cm di spessore compreso il rivestimento isolante (contro condensa), la nuova cassetta Sigma8 è proposta anche all’interno di moduli per l’installazione di sanitari sospesi e per quelli per pareti leggere: una soluzione costruttiva sempre più adottata nella ristrutturazione.

In fase di installazione la cassetta può essere regolata per limitare il consumo d’acqua a 7,5 lt, 6 lt fino a 4,5 lt mentre il tasto piccolo può essere ridotto a 3 lt. Anche l’involucro con cui viene fornita la cassetta è stato rinnovato per semplificare ulteriormente le fasi di posa nonché un perfetto montaggio delle placche di comando. Un vantaggio importante che consente tra l’altro di eliminare i kit di installazione per la placca di comando Sigma60 che può essere inserita a filo-muro anche a lavori ultimati o in un momento successivo. E' inoltre ottimizzata acusticamente: tutti i moduli WC sono dotati di materrassino disaccoppiante.

Sigma8 è disponibile nelle versioni da incasso per vasi installati a pavimento; in quella Combifix Italia con telaio per l’installazione di vasi sospesi e portata fino a 400 kg e nella versione Duofix Italia (114 cm di altezza) per l’installazione in pareti di cartongesso. In questa versione la forma del telaio offre una statica ulteriormente maggiorata, idonea anche al montaggio di vasi per disabili.