Pierre Charpin ha scelto il nome "Fragments" per la collezione di Ceramiche Piemme in omaggio al paziente lavoro di raccolta e composizione di riferimenti al suo lavoro artistico, elementi della storia dell'azienda di Fiorano Modenese, ispirazioni e tendenze legate alla sua visione dello spazio e delle superfici. 

Un mondo di segni e di suggestioni riassunto in due decori -Form e Oblong- fortemente iconici.

“Volevo qualcosa di non statico, che potesse rappresentare il movimento" spiega Pierre Charpin "I decori sono astratti nel senso che le forme evocano le forme stesse. E’ la loro combinazione a creare un effetto pittorico, anche se i colori sono stati scelti nella zona dei grigi piuttosto che fra quelli più brillanti, come forse ci si potrebbe aspettare da parte mia”. 

Fragments rimanda anche alla scomposizione e ricomposizione progettuale di più materiali per le stesse superfici: l'effetto brillante e continuo della resina, i giochi decorativi delle forme in pietra, l'utilizzo della maiolica sulle pareti. 
Alla base l'idea di generare armonia partendo dalla diversità. 
Pavimenti e pareti possono in questo modo 'vestirsi' combinando superfici brillanti e mat; monocromatiche e decorate; effetto resina con la pietra, dando vita ad inserti e movimenti nello spazio.

"La collaborazione con Charpin ci ha molto colpiti soprattutto per la sua capacità di entrare nei processi produttivi più che per cercare di condurli alla sua visione per lasciarsene ispirare così da lavorare con noi su un prodotto che possa poi diventare strumento nelle mani del progettista oltre che del posatore" spiega Massimo Barbari, Amministratore Delegato Ceramiche Piemme che ha lavorato a questo progetto con l'Art Direction di Gordon Guillaumier.
Il risultato è una collezione particolarmente elegante ed eclettica, proprio come il suo creatore, capace di passare dall'arte al design, dalla collaborazione con Hermès a quella con Alessi e dalla porcellana di Sèvres alle piastrelle di Ceramiche Piemme. 

Fragments by Pierre Charpin è declinata in 4 tonalità naturali: dalla più chiara Milk alla più scura Charcoal (grigio scuro) passando attraverso il grigio nuvola Cloud e il più caldo Tan sia nei decori Form e Oblong che nelle superfici mono-cromo effetto resina (Resin) ed effetto legno (Wood).  
Per i rivestimenti le piastrelle che ricreano l'effetto Maiolica sono disponibili altre due sfumature: Fern e Ocean.
Tre le finiture tridimensionali -Dune, Paint e Hatch- che aggiungono carattere materico alla collezione.