carta da parati, carte da parati

Ebbene sì, dopo anni di declino, è tornata di moda la carta da parati! Non so voi, ma per me, fino a qualche tempo fa la carta da parati era sinonimo di vecchio e antico. Sarà che la carta da parati la trovavi nella casa delle zie o delle nonne, dove facevano da padrone fantasie barocche o rococò. Alcune volte invece trovavi nella casa della nonna quelle carte bellissime, che ti facevano sentire come a casa del Doge di Venezia!

Secondo me le più “belle“ sono quelle che riprendono lo stile di “rondò veneziano” con tinte “allegre” tipo verde scuro o marrone e grigio, nel migliore dei casi viola. Comunque a ogni ambiente il suo colore!

A parte gli scherzi, sarà per via di “questi traumi infantili” che quando ho arredato casa ho rifiutato di mettere la carta da parati! Poi “nutrendomi” dei programmi satellitari in tema di arredo ho visto che, invece, la carta da parati può essere veramente di tendenza e dare quel qualcosa in più! Sto accarezzando l’idea utilizzarne un po’ per casa mia!
Questo perché la parola d’ordine è utilizzare la carta da parati non in tutta la casa, ma invece di sfruttarla solo in punti strategici, per sottolinearne il valore decorativo.
Oggi le carte da parati propongono nuove tonalità, pur ripresentando il design tipico degli anni Sessanta e Settanta, ma anche nuove forme geometriche più tipiche dei nostri tempi.
Floreali, geografiche, geometriche, dal sapore antico, dal sapore moderno, oggi c’è veramente da sbizzarrirsi, visto che in commercio trovi di tutto.
La cosa bella è che se adatti la carta da parati allo stile che vuoi dare all’ambiente dà un tocco di stile in più!
L’ideale è usarla dietro un divano, o dietro la testiera della camera da letto! Se decidete di usarla nella camera dei bambini posizionatela nella loro zona giochi, insomma in un punto dove può essere protagonista!