antoniolupi ha partecipato per il secondo anno consecutivo alla manifestazione Brand & Stone durante il Marmomac, con l’opera in marmo OSSIMORO, disegnata dagli architetti Calvi Brambilla e realizzata dall’azienda Lavagnoli Marmi.

Allestita all’interno di The Italian Stone Theatre “Brand & Stone 2.0”, curata da Danilo Di Michele e Giorgio Canale, è una manifestazione che nasce con l’obiettivo di avvicinare i più progettisti e grandi marchi ai materiali lapidei, aiutandoli a superare difficoltà commerciali o di natura tecnica. La mostra ha lo scopo di coinvolgere attivamente le aziende del design e illustri progettisti di fama internazionale in un incontro che parte da un approfondimento della materia e crea nuove opportunità di collaborazione e possibili sviluppi di business.

Con il supporto delle eccellenze italiane del mondo lapideo che espongono a Marmomac, ogni brand ha realizzato progetti inediti o reinterpretato in pietra pezzi iconici della propria collezione, a testimonianza che marmi e graniti sono materiali indispensabili e insostituibili nel mondo del design e dell’architettura di ieri, di oggi e del domani.

Il progetto di Ossimoro è stato affrontato con il massimo rispetto e senso di responsabilità verso il marmo, materiale utilizzato da sempre in architettura e nell’arte, pertamto I designer Calvi Brambilla e antoniolupi hanno cercato di affrontate il tema con mezzi contemporanei, ma con il massimo rispetto il passato e verso una risorsa naturale che è anche disponibile in quantità limitata. Questo ha portato a esaltare le qualità della materia creando un oggetto assolutamente unico.

OSSIMORO è il paradigma della tensione, che qui origina la forma di un lavello-scultura in marmo bianco in cui si cristallizza la dinamica dell’acqua.

Lo spunto per “Ossimoro” è stata una mostra del 2016 dell’artista spagnola che vive e lavora a Londra Angela de la Cruz sul movimento. L’effetto compressione, voluto dai designer Calvi Brambilla, nasce da uno scontro fra parallellepipedi e vuole concretizzare la potenzialità di rendere fluida la materia. Per realizzare questo effetto è stata realizzata una nuova tecnica, la simulazione di una compressione in 3D di un blocco, impegno subito accolto da Lavagnoli.

Con il progetto Ossimoro è stata sviluppata una nuova tecnica per la realizzazione di una ‘scultura’ , partendo dall’idea di un lavabo in marmo con l’effetto di un blocco ‘ marmoreo morbido’, compresso; un ossimoro un oggetto quasi surreale.

Il lavabo è realizzato in marmo Oriental White È un monolite aggraziato, un totem freestanding con miscelatore da parete o da pavimento.

Misure: B. 450 × P. 450 × H. 900 mm. Profondità vasca 130 mm

Fonte Ufficio Stampa Fabio Luciani