“Case all’italiana”, dove l’arte del vivere incontra la bellezza, per i classici della collezione Heritage in dialogo con i pezzi contemporanei, le icone Molteni&C e le sofisticate cucine Dada. I divani Paul e Albert firmati Vincent Van Duysen, l’armadio Gliss Master e le cucine VVD e Hi-line Frame sono i protagonisti della nuova campagna 2019, ambientata in due cornici d’eccezione, simbolo dell’italian style.

Palazzo Querini Stampalia a Venezia, a pochi passi da piazza San Marco, sede dell’omonima Fondazione voluta dal conte Giovanni, è una casa museo aperta al pubblico dal 1869, un palazzo restaurato che porta la firma di un grande maestro, Carlo Scarpa, che vi imprime un segno antico e moderno insieme. “Possiamo dire che l’architettura che noi vorremmo essere poesia dovrebbe chiamarsi armonia, come un bellissimo viso di donna”, scriveva.

La stessa armonia che si ritrova nelle stanze della dimora progettata alla fine degli anni ’30 da Romeo Moretti sul Lago Maggiore. Assistente di Gaetano Moretti al Politecnico di Milano e amico di Sant’Elia, Moretti aderisce al gruppo milanese “Novecento”.

Arte e design in dialogo, grazie a una selezione accurata di opere d’arte contemporanea, firmata dall’art curator e autrice Caroline Corbetta, presentata nel 2018 al Salone del Mobile di Milano e in seguito nei principali Flagship Stores, come New York e Londra. Una collaborazione che, sotto l’egida del Molteni Museum, promuove il talento di giovani artisti, anche attraverso l’avvio di una collezione. L’obbiettivo è la creazione di un ecosistema in cui design e arte si valorizzano a vicenda e ristabiliscono legami fondamentali. Anche all’interno della nuova campagna. Perché l’industria si era già innamorata dell’arte, perché l’incontro tra passato, presente e contemporaneo è patrimonio italiano da valorizzare.

Sono, ancora, storie di famiglia, di volontà, di sfide. E di visioni, nate nel paesaggio italiano.

I nuovi soggetti della campagna pubblicitaria saranno on air da novembre in Italia e worldwide su magazines e quotidiani più esclusivi.

 

Fonte: Ufficio Stampa Molteni&C|Dada