Da garage a santuario urbano. Straordinario intervento architettonico che affascina per il sapore industriale della sua natura e il carattere grezzo e materico. Tadao Ando, come un fine equilibrista, abbina acciaio, vetro e cemento ad elementi quali luce, ombra e acqua.

L’interior design è curato da Michael Gabellini, sarto meticoloso per la creazione di spazi “su misura”.

Ciò porta a configurare individualmente ognuna delle sette residenze, affinché siano ambienti senza tempo, di alta qualità, tramandabili nel futuro. Varcando la soglia, si sperimenta immediatamente la tensione tra luce e ombra grazie alle finestre a tutt’altezza, che incorniciano lo spazio, e piccole illuminazioni artificiali che conferiscono un’atmosfera speciale.

La natura è celebrata ovunque, dal muro d’acqua nel vestibolo alle piscine, aggiungendo un senso di animazione e contemplazione. Luce e acqua, elementi primari per Ando, vengono così stratificati da Gabellini con aria e suono, al fine di creare spazi di vita individuali e autonomi. Tutto questo, in un circolo perfetto e in sé chiuso.

Cucina e bagno ospitano la rubinetteria CEA in acciaio inox satinato.

 

Fonte: Ufficio Stampa Gagliardi & Partners