Con la gamma “Replay #01”, Dickson® si è lanciato oltre, rinnovando il ciclo di produzione con un programma inedito di eco-design.

Il principio è semplice: inserire il filo acrilico tinto in massa di fine bobina nella trama dei nuovi tessuti, invece di destinarlo al riciclaggio esterno. Un concetto che rientra nel rigoroso approccio ambientale di Dickson®, con un solo obiettivo: zero scarti.

La gamma Replay #01 è una collezione “in serie limitata” composta da 20 articoli, declinati in 7 jacquard, 8 tinte unite e 5 rigati. La cifra stilistica di questi tessuti di nuova generazione rivoluziona i codici della protezione solare ed offre una gamma di motivi originali e colori contemporanei. Proprio perché realizzati con filati di recupero, i tessuti Replay possono talvolta presentare variazioni di colore e di spessore dei fili, che conferiscono al prodotto un aspetto irregolare ed unico.

La gamma Replay si suddivide nella linea “Air” composta da tinte unite e rigate e nella linea “Earth” composta dagli jacquard. Il contenuto in filo riciclato rappresenta quasi il 27% del peso totale del tessuto, pari a circa 1/3 per le tinte unite e i rigati e a circa il 15% per i jacquard.

• Replay - Air: tinte unite e rigate

• Replay - Earth: jacquar

Caratteristiche tecniche di “Replay #01”

Composizione: 100% acrilico imputrescibile tinto in massa
Finitura: trattamento speciale antimacchia e impermeabile
Peso: 310g – 330 g/mq
Garanzia: 10 anni

Consapevole delle odierne sfide ambientali e della propria responsabilità in qualità di leader di mercato, Dickson® orienta da anni la sua ricerca verso i principi dello sviluppo sostenibile. Questa esigenza è riscontrabile in ogni fase della vita dei prodotti, dalla creazione alla fine vita dei tessuti; infatti le tele Dickson® sono in tessuto acrilico tinto in massa, al fine di evitare una fase molto inquinante di tintura del filato. Tutti i successivi trattamenti di arricchimento del tessuto sono ottimizzati al meglio per evitare il sovraccarico di sostanze chimiche sui prodotti.

 

Fonte: Ufficio Stampa Liliana Malimpensa