Bosa sta con gli animali minacciati dal climate change!

Il panda iper décor Bernardo, design Elena Salmistraro, e il pinguino lowpoly Dab Penguin, di Vittorio Gennari, segnano l’inizio di un nuovo progetto dedicato alla natura e alle specie in pericolo.

L’azienda presenta a Parigi, in occasione della fiera Maison&Objet, due nuovi personaggi del suo fantastico universo zoomorfo: le specie a rischio o in via di estinzione a causa del surriscaldamento globale e dei cambiamenti climatici diventano protagoniste per ricordarci, anche quando ci godiamo la nostra casa privata, quanto è fragile l’habitat esterno, trasformandosi in compagni quotidiani che testimoniano le conseguenze delle nostre azioni.

Bosa devolverà al WWF una percentuale del ricavato della commercializzazione di entrambi gli animali.

 

Maison&Objet è inoltre l’occasione per ampliare le collezioni di alcuni prodotti best-seller, rinnovati nelle decorazioni e nelle gamme colori: in particolare la famiglia Momonster disegnata da Giovanni Motta si presenta in un’inedita versione con divertenti pattern colorati e i tavolini Bossa Nova di Pepa Reverter dall’iniziale optical bianco/nero abbracciano cromie vivaci.

Nello spazio in fiera Bosa presenta un nuovo exhibit design in cui le collezioni sono raccolte per la prima volta attorno a quattro temi: Supernatural, Magical, Wonderful e Sparkling descrivono il mondo Bosa, sorprendente, prezioso, fatto di oggetti speciali e talismani domestici.

Le superfici tridimensionali, le finiture metalliche, le raffinate palette cromatiche e le texture grafiche – che diventano vasi, piccoli complementi di arredo, set per la tavola – sono il risultato di un lavoro costante di ricerca e aggiornamento, che conferma il percorso sperimentale dell’azienda e la sua grande competenza realizzativa.

Bosa @Maison&Objet

Fonte Ufficio Stampa Umbrella Comunicare Design

Pad. 6, stand O60-P59

17-21 gennaio 2020