Porta la firma dell’architetto Rafael Viñoly il progetto del 125 Greenwich Street di New York, un elitario grattacielo residenziale che il gruppo ARAN, proprio in questo periodo, sta arredando con 273 cucine, 453 bagni e 923 armadiature.

L’azienda italiana ha fatto della propria divisione contract il traino per uno sviluppo internazionale di grandissima portata. La capacità sartoriale e l’abilità artigianale proprie di ARAN Cucine, la cui produzione 100% Made in Italy ha interamente luogo in 7 stabilimenti produttivi in Abruzzo, fanno sì che l’altissima qualità dei prodotti sia sempre più apprezzata in tutto il mondo.

E così, dopo il 432 Park Avenue, ARAN Cucine approda in un altro prestigioso edificio newyorkese. Un grattacielo situato nell’ex quartiere finanziario, ‘nuovo’ centro storico di New York, circondato da uno skyline brulicante di vita e di energia da un lato, dalle placide acque dell’Hudson dall’altro. A curare la progettazione interna dei 273 appartamenti, lo studio March & White di Londra, che ha scelto di prestare particolare attenzione ai materiali e alle finiture abbinati a tre precise palette di colori; Aqua, Terra e Stratus sono infatti toni neutri in cui si sente l’eco degli elementi che circondano la costruzione, perfettamente visibili dalle grandi e ampie vetrate: l’acqua fresca del fiume, i palazzi di New Downtown e il cielo di New York costellato di nuvole.

Ogni residenza è personalizzata con mobili e accessori su misura, e l'azienda ha realizzato ogni cucina su un preciso disegno, giocando con tre tonalità: il legno chiaro, intermedio o scuro, usato per le basi e i pensili, si abbina di volta in volta al vetro in rose gold, bronze e nichel utilizzato per le ante con telaio in alluminio.

I fortunati proprietari potranno godere di tutti i comfort garantiti da un progetto interamente tailor-made, oltre che di agi quali una piscina interna, una sala cinema, un ristorante, una palestra, una SPA, una biblioteca e una straordinaria zona lounge che regala una magnifica vista sul panorama della città.

Un altro grande progetto che vede tra i suoi protagonisti ARAN Cucine, che si conferma ancora una volta nobile ambasciatrice del sapere fare italiano nel mondo.

 

Fonte: Ufficio Stampa Cavalleri Comunicazione