Si è già parlato di Fabula, l’ultimo progetto di Rastelli, come di una cucina in grado di raccontare storie e stili di vita. Si tratta infatti di un modello declinato in tante versioni, sempre customizzabili, capace di incontrare qualsiasi gusto e di adattarsi a qualsiasi tipo di ambiente, tra linee contemporanee, echi tradizionali, ispirazioni orientali, fino ad arrivare ad una proposta ‘in stile neo coloniale’, tipico di molte case americane.

Questa versione di Fabula si presenta come mix tra elementi classici e moderni, sia dal punto di vista del design sia da quello della scelta dei materiali: le ante a telaio in legno, dal sapore più familiare, incontrano le tonalità calde del rovere dust e del laccato grigio siliceo opaco, mentre le linee geometriche e rigorose dei moduli vengono esaltate dall’acciaio - scelto per il blocco cottura e per i telai delle colonne e dei pensili -, dalla pietra basaltina e dal marmo utilizzati per i piani di lavoro.

Protagonista della composizione è la grande isola centrale, proprio come è tipico nelle cucine in stile americano. Il piano snack integrato in E:wood quercia, dedicando uno spazio alla consumazione dei piccoli pasti, aumenta la funzionalità di un ‘blocco’ già dotato di vani estremamente capienti.
Pensili e colonne con ante in vetro a telaio in metallo, sfruttando le altezze, ottimizzano la distribuzione di oggetti, utensili e stoviglie, dando inoltre un accento più contemporaneo all’ambiente; il lavello, ricavato da un monolite di pietra basaltina spazzolata a poro aperto, si configura come una ricercata soluzione estetica capace di creare continuità con il piano di lavoro.

Ancora una volta, e anche in questa versione, Fabula si caratterizza per la capacità del designer Ulisse Narcisi di equilibrare elementi diversi, quasi contrastanti, suggerendo sempre l’eco e l’emozione di tradizioni familiari proprie di paesi lontani.

Fonte Ufficio Stampa Cavalleri Comunicazione