Scavolini prosegue il suo percorso d’internazionalizzazione e amplia la propria presenza in India. Il 22 novembre ha inaugurato a New Delhi il punto vendita all’interno dello spazio Stroika, uno dei principali showroom della città che offre eccellenti prodotti di design dei più rinomati brand internazionali. 

Situato in una zona strategica della capitale, lo spazio Stroika si estende su un totale di 4 piani in cui Scavolini - unico brand presente per l’offerta cucina e bagno - si distingue con un’importante vetrina al primo piano.

In questa cornice, protagoniste sono le collezioni più rappresentative dell’azienda tra i principali player italiani del settore, sinonimo di eleganza e design interamente Made in Italy. 

Su una superficie di oltre 150 metri quadrati di esposizione, sono presenti i modelli cucina DeLinea, Diesel Open Workshop, Flux Swing e LiberaMente - declinata anche nella sua proposta Living. Immancabili sono le collezioni bagno Diesel Open Workshop e Lagu.

Il nuovo punto vendita Stroika permette ad architetti, interior designer e clienti privati di scoprire il mondo Scavolini per la realizzazione di progetti sia residenziali sia contract. Il titolare Saurabh Sharma – accompagnato dal suo staff altamente qualificato - accoglierà il cliente e lo affiancherà nella progettazione, vendita e installazione dei prodotti scelti.

L’azienda consolida così la sua presenza in India e conferma ancora una volta l’importante processo di crescita a livello globale che da anni porta avanti con costanti investimenti nello sviluppo della propria rete distributiva.

L’operazione rientra in una più ampia strategia nell’ambito retail: attualmente, infatti, Scavolini conta oltre 1.200 punti vendita in tutto il mondo di cui 300 all’estero. Ulteriore leva sono gli Scavolini Store, progetto lanciato nel 2006 che ha visto nel tempo una crescita notevole, arrivando a contare oggi 130 monomarca in Italia e oltre 50 all’estero. Una strategia di successo basata non solo su un’efficace e mirata scelta di continuo potenziamento della rete organizzativa ma anche sullo sviluppo di prodotti studiati secondo i gusti e le esigenze dei diversi Paesi e su una politica di comunicazione mirata al “brand recognition” che garantisce forte visibilità ai plus aziendali.

Fonte Ufficio Stampa Studio Roscio