La nuova lampada Ari di Fabbian Illuminazione, disegnata da Marco Spatti e Marco Pietro Ricci, ripensa i lampadari chandelier secondo un’estetica minimale e personalizzabile.

La struttura, modulare, è infatti spogliata degli stilemi del passato e si compone di semplici tubolari in alluminio anodizzato in differenti lunghezze e in finitura bianca, nero o bronzo, che danno origine a molteplici configurazioni. 

Il risultato è un sistema di illuminazione flessibile, in grado di adattarsi agli spazi, alle esigenze di utilizzo ed al gusto del signolo utente.

A seconda della configurazione Ari può variare per numero di elementi (da due a sedici fonti luminose) e forma: i moduli possono infatti essere disposti secondo uno schema geometrico o a ritmo sparso, a partire da un unico rosone.

A collegare quest’ultimo con i vari componenti sono i cavi in PVC, bianchi o neri, studiati per diventare elementi estetici e conferire alla lampada il suo aspetto caratteristico e audace.

 

 

 

 

Fonte: Designfever