Arredamento

Memphis presenta Night Tales una collezione Post Design disegnata da Masanori Umeda

In occasione del Fuorisalone Design City Edition 2021, Memphis presenta “Night Tales” una collezione Post Design disegnata da Masanori Umeda.

Visibile online sulla piattaforma Fuorisalone.it e disponibile sul sito memphis-milano.com a partire dal 12 aprile, la collezione “Night Tales” sarà contemporaneamente visibile presso la Galleria Post Design in Largo Treves 5, al centro del Brera Design District.

A quarant’anni dalla nascita del gruppo Memphis e della presentazione del celebre Tawaraya boxing ring, una nuova famiglia di prodotti disegnati da Masanori Umeda, alcuni dei quali nei primi anni ‘80 – in pieno spirito Memphis – entra oggi a far parte delle collezioni Post Design.

La serie Utamaro si compone di un letto matrimoniale, un divano e una poltrona, ispirati ai rituali erotici del periodo Edo, alle donne ed agli interni delle case tradizionali rappresentati dal pittore giapponese Kitagawa Utamaro.

I tre elementi d’arredo in coordinato, di grandissimo impatto estetico, presentano una struttura metallica tubolare blu e fuxia, l’iconica bordatura in laminato a scacchiera bianca e nera, tatami, vassoi con superfici laccate e sgargianti cuscini in seta colorata.

Umeda, come già fatto con il Tawaraya boxing ring, coniuga in una giustapposizione inconfondibile l’estetica dell’abitare giapponese tradizionale, accenti nipponici contemporanei e il gusto del mobile occidentale.

Le altre opere, disegnate da Umeda nella prima metà degli anni ’80, presentati nella collezione “Night Tales” sono il tavolo Medusa e la sedia Animal Chair, la lampada Gelato e il vassoio in alluminio Star.

Il tavolo Medusa, realizzato su disegno del 1982, è un animale domestico dalle gambe a zig-zag che richiamano i bracci dell’alzata Murmansk di Sottsass. Il piano in vetro dicroico iridescente cambia colore al modificarsi della luce e del punto di vista, mentre proietta ombre colorate nella stanza.

Anche la poltroncina Animal Chair, sempre disegnata nel 1982, rientra nei progetti di Umeda che ibridano natura e design: oggetti “simpatici”, che creano immediata empatia e coinvolgimento emotivo.

Gelato – lampada da tavolo, parete e soffitto – è un oggetto spiritoso, un po’ cono gelato e un po’ cappello da clown. 

Vassoio Star, oggetto complesso, è un centrotavola / porta-frutta con piccoli manici colorati e un motivo decorativo traforato al centro.

La Galleria Post Design, oltre alla nuova collezione “Night Tales” di Masanori Umeda presenta alcune opere della collezione Memphis-Milano, oggi nuovamente disponibili: la lampada da parete Negresco di Martine Bedin (1981), la coppia di mobiletti Fuji di Arata Isozaki, (1981) e il tavolo Atlas di Aldo Cibic (1983).

Masanori Umeda (Kanagawa, Giappone, 1941)

Masanori Umeda si diploma alla Kuwasawa Design School di Tokyo nel 1962.

Nel 1967 si trasferisce a Milano e lavora nello studio di Achille e Pier Giacomo Castiglioni. Dal 1970 al 1979 è consulente dello Studio di design e sistemi d’arredamento alla Olivetti dove incontra Ettore Sottsass.

Nel 1981 Umeda disegna il suo pezzo Memphis più famoso: il Tawaraya boxing ring, in cui i membri fondatori del gruppo si fanno fotografare da Studio Azzurro in uno scatto diventato una delle più iconiche immagini Memphis. Sintesi di Oriente e Occidente, Tawaraya combina, come metafora della conversazione, un ring di boxe con i tatami di tradizionali interni giapponesi. La collaborazione con il gruppo Memphis prosegue i due anni successivi durante i quali Umeda realizza il mobile robot Ginza e due oggetti in ceramica, il vaso Orinoco, e la ciotola Parana.

Umeda torna in Giappone nel 1986 e apre a Tokyo il suo studio U-MetaDesign che dal 2001 prende il nome di Umeda Design Studio Inc. Negli anni successivi continua a progettare moltissimi mobili postmoderni e poetici e ironici.

Masanori Umeda ha partecipato a diverse mostre internazionali ed è stato insignito di vari premi, tra cui il Braun Prize nel 1968, il Grand Prix of Japan Display Design Award nel 1981, il Japan Commercial Space Design Award nel 1984, il Grand Prix of Good Design Award, Japan nel 1990. I suoi progetti sono presenti in molti musei internazionali; nel 2015 più di 180 lavori di Umeda sono stati acquisiti dal M+ Museum, West Kowloon Cultural District, Hong Kong.

Memphis srl

Memphis srl è l’azienda che edita i marchi Memphis-Milano, Meta Memphis e Post Design, appartenenti a tre momenti distinti della sua storia.

Il marchio Memphis-Milano ha origine nel movimento culturale fondato nel 1981 da Ettore Sottsass e da un gruppo di designer a lui legati, che ha conquistato velocemente pubblico e stampa di tutto il mondo, diventando un fenomeno planetario, tutt’oggi molto attuale.

Post Design

Nel 1997 nasce il marchio Post Design: sotto l’egida del nuovo logo, disegnato da Sottsass, si ritrovano collezioni di designer già appartenenti al gruppo Memphis, come Du Pasquier, Sowden e lo stesso Sottsass, insieme a quelle di alcuni fra i più importanti artisti della scena internazionale, tra cui Charpin, Santachiara, Vigo e Grawunder, e di giovani designer meno conosciuti, con l’obiettivo di dare loro visibilità. Ciascuna collezione ha una propria autonomia stilistica: Post Design si dichiara aperta al multilinguismo, lasciando spazio alle singole poetiche.

Post Design persegue infatti l’obiettivo di registrare e documentare le trasformazioni del gusto e dell’estetica: da qui il suo carattere laboratoriale, eclettico e non omogeneo. 

Galleria Post Design è la galleria milanese che ospita le iniziative di Memphis. Le modalità con cui Post Design opera sono d’altronde più assimilabili a quelle di una galleria d’arte che di un’industria produttiva: ogni esposizione racconta un progetto coerente di un singolo artista o di un gruppo di artisti.

“Night Tales” di Masanori Umeda – Collezione Post Design 2020

Memphis | Post Design Gallery

Largo Treves 5, 20121 Milano

Preview: 12-17 aprile, h. 10-13/15-19.30

Fonte: Ufficio stampa Memphis

Potrebbe piacerti anche

I commenti sono chiusi.

Visualizza altro:Arredamento