Camere

Come scegliere un materasso Memory Foam

materasso memory foam

Sempre più ricercato ed utilizzato, il materasso memory foam ha rivoluzionato il modo di dormire di molte persone. Ma quali sono gli aspetti da considerare per scegliere quello giusto?

Il materasso memory foam ha delle caratteristiche basate su una nuova tecnologia che permette di dormire in maniera ottimale. L’idea arriva dalla massima tecnologia americana: è nata dagli scienziati della Nasa. Per proteggere gli astronauti dalle accelerazioni dei lanci, hanno sviluppato una tecnologia in grado di accogliere in maniera naturale il corpo.
Il principale vantaggio dei materassi memory è proprio quello di accogliere la colonna vertebrale in maniera naturale tenendola dritta. Appena ci si distende su un materasso memory la differenza si sente immediatamente. Sembra subito che il corpo venga accolto in un comodo abbraccio. Proprio per questo sempre più persone hanno deciso di optare per il materasso memory. Ma anche in questo caso non tutti i materassi sono uguali!

Come è composto il materasso memory foam?

Il materasso memory è composto da una schiuma polimerica, che con una struttura a nido d’ape permette la circolazione dell’aria. Il materiale è termosensibile, cambia cioè la propria rigidità in base al calore emanato del corpo che ci si poggia. Ecco perché il materasso memory è in grado di adattarsi alla posizione assunta dalla persona.  
Ci sono degli standard minimi in modo da garantire una buona qualità del materasso e del sonno.

La lastra interna deve essere di almeno 20 cm, di cui almeno 6 di schiuma soffice e 14 di poliuretano. Se le lastre sono più basse di 5 cm è un prodotto scadente. Attenzione anche al poliuretano che deve essere di buona qualità e densità. Infine, la lastra deve avere intagli e disegni per una maggiore ergonomia e traspirabilità. Meglio ancora poi se è sfoderabile.

I vantaggi dei materassi memory foam

La particolare composizione e struttura del materasso lo rendono un elemento dai molteplici benefici. Primo tra tutti, quasi banalmente, riduce gli stati di insonnia. Questo perché garantisce una posizione ottimale notturna in grado di non generare risvegli.  Legata alla posizione comoda e adeguata è la riduzione dei dolori alla schiena e della fibromialgia dovuti a posizione sbagliate.

Essendo termosensibile, un altro beneficio è il mantenimento stabile della temperatura del corpo. Un aspetto che spesso passa inosservato ma di fondamentale importanza è l’igiene del prodotto. I materassi memory foam sono anallergici e antiacari. Rispetto ai classici materassi in lattice, poi, sono traspiranti e dunque non hanno problemi con l’umidità.

Materassi singoli e matrimoniali

Il materasso memory foam è pensato soprattutto per i letti singoli. Questo perché la capacità di assumere la posizione di chi dorme non è proprio istantanea. La differenza con quello classico si sente subito, ma ci vuole un po’ ad abituarsi. Un materasso matrimoniale di questo tipo rischierebbe di allungare l’adattamento.

La scelta del matrimoniale è sconsigliata anche per un altro motivo. Nonostante i materassi memory siano traspiranti e contribuiscano a mantenere costante la temperatura del corpo, essendo avvolgenti talvolta aumentano la percezione del caldo. Per i soggetti che soffrono molto le alte temperature questi materassi non sono consigliati. Avendo anche un’altra persona a fianco, la temperatura percepita si alzerebbe ulteriormente. Gli ultimi modelli presentano inserti in gel che risolvono in buona parte questo problema. Solo in questi casi è consigliabile il materasso memory foam matrimoniale

Ultimo elemento da tenere in considerazione per l’acquisto di un materasso in memory foam è la rete. È infatti importante che non incida sulla stabilità del materasso. Insomma, prima dell’acquisto del materasso è il caso di cambiare anche la vecchia rete.

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Visualizza altro:Camere