Complementi d'arredo

Ecco qualche idea per un presepe di Natale pieno di stile!

Stanchi del solito presepe? Ecco qualche idea per rendere il presepe di Natale un complemento d’arredo perfetto per ogni stile! 

Tra regali, addobbi, gonfiabili di Babbo Natale, gnomi di Natale e albero, si rischia di dimenticare il valore religioso del Natale. Ecco perché il presepe mantiene ancora oggi una grande importanza: è il simbolo di una festa che è anche e soprattutto religiosa. Il presepe, con le sue statuine e i suoi simboli, restituisce al Natale tutto il suo aspetto più sincero e meno consumistico.

C’è chi ha un presepe storico di famiglia che ogni anno ripropone, con un mix di nostalgia e gratitudine; altri, invece, sono sempre alla ricerca di nuove idee per abbellire la loro composizione optando per un presepe online. Infine, ci sono i design addicted, per cui il presepe è a tutti gli effetti un complemento d’arredo della casa. Anche se solamente per un mesetto, il presepe non viene pensato come un’aggiunta extra, un accessorio usa e getta, ma fa parte dell’arredamento. In questi casi, dunque, i colori, i materiali, la composizione nel suo insieme, sarà studiata nel dettaglio

La scelta dei materiali

Per prima cosa, un presepe natalizio deve essere in grado di adattarsi allo stile di arredo a partire dalla scelta dei materiali. Le statuine si possono trovare in diversi materiali: legno, plastica, terracotta. Quello a cui curare maggior attenzione è l’ambientazione: il legno per la capanna, muschio vero per il prato, sassolini e ghiaia per le stradine.

Per dare vita ad un presepe moderno si può puntare su materiali sostenibili e riciclati. D’altronde l’eco-friendly è il principale trend di design contemporaneo e il rispetto per l’ambiente è un messaggio di ottimismo e amore che ben si sposa con lo spirito religioso del Natale. Ecco allora che si può realizzare un intero presepe, dalle statuine al paesaggio, con materiali naturali e di recupero: sughero, gommapiuma, cartapesta, sabbia. Un presepe così composto sarà davvero originale, nonché pieno di amore e speranza.

Cosa non può mancare nel presepe di Natale

Il fulcro di ogni presepe è, ovviamente, la capanna della natività, con Gesù bambino, Maria, Giuseppe, il bue e l’asinello. Per completare questa composizione si inserisce, solitamente, la stella cometa e qualche angioletto.

Un po’ più distanti, in modo da trasmettere l’idea di cammino e attesa, si possono posizionare i Re Magi, che arriveranno il giorno dell’epifania. L’idea di creare un percorso è molto apprezzata dai bambini che ogni giorno muoveranno di un passo queste statuine, fino a farle arrivare alla capanna.

Sempre per i bambini, un modo per rendere più allegro e divertente il presepe, è quello di inserire le statuine degli animali. Immancabile, inoltre, è il pastorello dormiente. 

Idee per presepi moderni

A proposito di luci per il presepe, un tocco davvero chic può essere dato dall’incontro tra tradizione e contemporaneità. Il presepe rappresenta un elemento storico e culturale davvero forte ed è importante che sappia incontrare la sensibilità e i gusti moderni. Ecco allora che per le luci si possono scegliere le lampadine smart, ideali per cambiare luminosità e intensità a seconda dei momenti. Questa scelta luminosa, inoltre, è in grado di portare vitalità e dinamismo anche a una composizione statica, rendendo il presepe ancora più affascinante.
Per chi preferisce l’arredamento minimal esistono anche i presepi minimalisti. Delle composizioni uniche che rappresentano solo la natività in senso stresso, unendo religione e design. Un vantaggio di queste composizioni è la possibilità di inserirle in qualunque ambiente con facilità, trattandosi di blocchi unici dalle dimensioni non troppo grandi.

Alessandro Chiarabini
Alessandro Chiarabini, 24 anni, due lauree e ancora tanta voglia di imparare. Il filo conduttore della mia formazione, dal liceo classico alla magistrale in pubblicità, passando per la triennale in filosofia, è sempre stata la comunicazione: comunicare significa condividere, entrare in relazione, stabilire un contatto. Per questo mi piace scrivere e raccontare di tutto quello che conosco e che vorrei conoscere: parlare è il modo migliore per aprire infinite possibilità di incontro. E cosa rappresenta l’unione e la convivialità meglio della casa? Quindi eccomi qua a parlare di arredamento, dettagli e sfumature, per entrare nelle case di tutti e conoscere, come diceva Wittgenstein, nuove “forme di vita”.

    Comments are closed.

    0 %