Arredamento

Savio Firmino: quando l’artigianato incontra la tecnologia

Savio Firmino è un’azienda storica, da oltre 80 anni espressione della maestria artigiana Made in Italy e delle tradizioni familiari.

È il 1941 quando l’azienda apre nel centro storico di Firenze la sua Bottega. Mantenendo immutata nel tempo la sua anima artigianale, si è trasformata in oltre 80 anni nell’Azienda conosciuta e apprezzata in tutto il mondo. Oggi guidata dalla terza e quarta generazione della famiglia.

Sinonimo di stile, design e manualità, le creazioni Savio Firmino sono uniche nel loro genere. Realizzate da esperti artisti e artigiani che, partendo dagli stilemi della tradizione classica, hanno dato vita a quella che si può definire un’artigianalità 4.0. Da qualche anno infatti l’azienda ha definito processi di prototipazione e produzione che hanno permesso di coniugare le più elevate tecniche di maestria artigiana e produzione manuale a tecnologie all’avanguardia. Lo sviluppo tecnologico viene concepito dalla Savio Firmino passando dalla Modellazione in 3D, al reverse engineering, alla realtà aumentata, sino a quella che oggi è una delle sfide più grandi per l’azienda: la tracciabilità certificata dell’intera produzione. Come? Grazie alla Blockchain.

Perché parlare di Blockchain nel settore arredo?

In un momento storico in cui la Blockchain sta catalizzando moltissime attenzioni, soprattutto per l’ampio spettro di applicabilità delle sue soluzioni in diversi settori.

Si tratta di una tecnologia che sfrutta le caratteristiche di una rete informatica di nodi, e che consente di gestire e aggiornare in modo univoco e sicuro dati, informazioni e transazioni.

Ma perché parlare di Blockchain nel settore arredo/interior e come si traduce per Savio Firmino la sua applicabilità al settore? Il percorso inizia nel 2018 e ad oggi è l’unica azienda del settore arredo ad aver testato le potenzialità della Blockchain nell’ambito della produzione manifatturiera. Un percorso – come spiega Cosimo Savio, Presidente della società – nato dalla volontà di tracciare l’intera produzione dell’azienda. Che dia un valore aggiunto al prodotto salvaguardando e valorizzando al tempo stesso il valore dell’intera filiera e l’unicità del Made in Italy. Una garanzia “immutabile” resa possibile grazie alla collaborazione con il team di Apuana SB. Savio Firmino è così diventata una delle prime realtà in Italia a far proprie le innumerevoli potenzialità del sistema, la prima in assoluto del settore arredo.

Le garanzie di Savio Firmino

Ma come funziona nella pratica? Per ogni prodotto viene realizzato un gemello digitale, che nel mondo reale punta a un database distribuito. Le informazioni contenute all’interno del registro possono essere visualizzate, controllate e verificate dal cliente attraverso un sistema NFC e per mezzo di un QR Code. Tutti questi dati sono registrati su di una rete Blockchain a doppio strato. Nel progetto gioca inoltre un ruolo determinante la presenza istituzionale di Infocamere, che attraverso il proprio sistema di firma digitale CNS permette la verifica dell’identità di colui che aggiorna i dati di produzione.

L’applicazione di questa tecnologia al settore manifatturiero consentirà a Savio Firmino di offrire ai propri acquirenti una garanzia denominata Circle Life. Una certificazione pensata per seguire l’intero ciclo di vita del prodotto, partendo dalla progettazione, realizzazione, restauri, riparazioni, rivendita, sino alla eventuale dismissione. Per ogni prodotto viene tracciata la “storia”, i suoi valori di autenticità e unicità, arrivando a certificarne la sostenibilità.

In questa fase di messa a punto del sistema, la tracciabilità non è ancora estesa all’intera produzione ma solo ad alcuni prodotti selezionati. Con l’inizio del 2022 verrà ufficialmente data la possibilità di acquistare un prodotto con un percorso produttivo tracciato.

In questa prima fase, la certificazione riguarderà solo la produzione e il controllo qualità. Per il futuro l’azienda ha in programma di estendere il tracciamento anche a ulteriori elementi di valore: nome dell’artigiano, provenienza e caratura dei fogli d’oro, fornitori di lavorazioni e semilavorati.

Fonte: Clara Garcovich Srl

Potrebbe piacerti anche

I commenti sono chiusi.

Visualizza altro:Arredamento