Novità aziende arredamento

“Memphis. Il colore degli oggetti” mostra aperta al pubblico

In occasione di Design City Milano, che dal 28 settembre al 10 ottobre animerà la città con incontri e appuntamenti dedicati al tema del progetto, la School of Design di Istituto Marangoni presenterà “Memphis. Il colore degli oggetti”: la mostra, aperta al pubblico, dedicata al grande fenomeno culturale degli anni 80, creato da Ettore Sottsass e da un gruppo di giovani architetti, tra cui Michele De Lucchi, Alessandro Mendini, Andrea Branzi, che ha rivoluzionato l’idea di fare progetto e che celebra quest’anno il quarantesimo anno dalla sua nascita.

Proprio intorno a questo Movimento “postmoderno”, Istituto Marangoni ha scelto di far lavorare gli studenti del terzo anno del corso di Visual Design e gli allievi dei Master Surface & Textile Design e Product & Furniture Design per l’ideazione di nuove proposte progettuali, a partire da brief specifici per ogni area.
Una selezione di queste idee creative costituisce il cuore della mostra, che si articola in quattro parti: tre dedicate ai Dipartimenti della Scuola (Product, Visual e Interior Design), che presentano ciascuno i migliori progetti degli studenti raccontati attraverso immagini e talvolta in modelli 3D, e un’ultima sezione dedicata alla storia, con un’infografica e una selezione di pezzi storici di Memphis, e che si chiude con la presenza iconica della libreria Carlton, simbolo riconosciuto in tutto il mondo dell’intera produzione di questo rivoluzionario movimento culturale.

Gli studenti di Visual Design hanno lavorato ad alcune proposte di restyling dell’identità visiva di Studio Memphis che includesse le tre principali collezioni del marchio: Memphis Milano, Meta Memphis e Post Design.
Alice Braglia ha immaginato una nuova strategia per i social media che, grazie ad una attualizzazione dei valori, dei colori e delle forme tipici del brand, sapesse conferire un’identità di marca dinamica e coinvolgente. Constanza Coscia, a partire da una approfondita analisi e review dei marchi delle tre collezioni, arriva a definire una strategia per i social channel e un concept per una installazione che cita i luoghi e le suggestioni di alcuni riferimenti pop del mondo della moda, dell’arte e del cinema degli anni 80.
Dedica attenzione allo studio dei brand, del sito e del catalogo lo studente Giovanni Gridelli, che indica infine nuove proposte per una visual identity omogea e una fruizione delle aree on line più ingaggiante.

Nell’ambito del Master Surface & Textile Design, i talenti hanno realizzato una serie di nuovi patterns decorativi destinati a superfici, tessuti e rivestimenti per il brand, attraverso la reinterpretazione di motivi grafici, simboli ed elementi visivi caratteristici di Memphis.
Il progetto proposto dagli studenti Pelin Aykar, Ipek Aslanboy e Hsiang-Chi Liu si basa sul concetto di “aspetto” e “essenza”, attraverso illusioni visive che sono in grado di ingannare i nostri occhi. Arrivano quindi a proporre “Dissimulation”, una serie di tappeti, pannelli di vetro, film per il rivestimento di oggetti di arredo caratterizzati da effetti geometrici e ottici capaci di creare percezioni tridimensionali o pattern in movimento.
Ezgi Vural e Margherita Aletti, con il progetto “Living in Memphis” immaginano nuove combinazioni di colori pastello e forme audaci, in una dimensione spazio-temporale infinita, ironica e giocosa. Ne risultano quattro diversi pattern, ognuno ispirato ad una diversa città: New York, Marrakech, Hong Kong e Città del Messico, capaci di animare wallpaper, ceramiche, tappeti o pannelli di plexiglass o ogni altra superficie per l’interior design.
“Old to New” è il titolo del progetto di Kao Ching-Ting e di Semercioglu Eda, che, a partire dai personali ricordi legati agli anni 80, hanno generato nuove idee per raccontare la ricchezza e la giocosità tipiche dell’epoca rilette in chiave contemporanea. Nascono così elementi modulari realizzati utilizzando resine combinate ad altri materiali, utili per realizzare pattern per wallpaper, pannelli e oggetti d’arredo.

Infine, “L’oggetto post-contemporaneo” è il tema di riflessione lanciato all’interno del Master Product & Furniture Design. Gli studenti avevano il compito di progettato una lampada che declinasse l’identità estetica di Memphis in maniera coerente con il brand e, allo stesso tempo, in linea con le nuove sensibilità estetiche native dei social network, caratterizzate da colori accesi e geometrie destrutturate.
Artemii Solod progetta “Personal lamp”: un apparecchio luminoso a forma cubica che, grazie all’utilizzo della tecnologia digitale, può far vivere un’esperienza unica agli utenti: accensione, spegnimento, intensità e colori della luce possono infatti essere controllati attraverso una App direttamente dal cellulare, ed è stata immaginata in molte varianti e tipologie: da terra, da parete o da tavolo.
“Fantasmino” di Claudio Vicari è una lampada da tavolo in vetro soffiato trasparente con sembianze antromorfe e che intende instaurare un rapporto animato tra il prodotto e l’utente. Il corpo centrale in metallo comprende infatti dei sensori di movimento che possono rilevare la presenza umana: quando una persona entra nel raggio di prossimità, la lampada si accende.
Roxanne Cepeda disegna “Loop”: una lampada da tavolo ricaricabile, che interagisce con gli utenti utilizzando un
sensore tattile, grazie al quale è possibile regolare l’intensità della luce. La lampada utilizza una batteria agli ioni di litio, ricaricabile utilizzando un cavo USB-C e che ne permette quindi l’utilizzo anche quando è scollegata.

Un lavoro complesso, che ha visto i talenti impegnati nel corso di tutto l’anno accademico, stimolati anche attraverso incontri e approfondimenti, come la talk “Story Makers”, organizzata a novembre in Istituto Marangoni e che ha visto ospiti Denis Santachiara e Alessandro Guerriero, due voci autorevoli e visionarie della storia del design italiano e protagonisti di quello speciale periodo culturale.
Il percorso si è infine concluso con esiti innovativi ed esplorazioni inedite, come commenta Stefano Caggiano, Programme Leader di Product Design, autore dei testi della sezione storica della mostra: “Ciò che appare evidente, in questi oggetti d’arredo, superfici e strategie di comunicazione, è l’avanzato livello di maturazione raggiunto dalla fusione epocale tra reale e digitale, vissuta dalle nuove generazioni non più come punto di arrivo ma come punto di partenza per il design del nuovo decennio.”

L’esposizione, allestita al primo piano della sede di Via Cerva, è curata da Gustavo Martini, il talentuoso alumnus di Istituto Marangoni, nato a Rio de Janeiro, premiato come “Next Generation Designer of The Year 2017” da Wallpaper * e Officine Panerai e parte del Prisma Project, il gruppo di ex studenti della School of Design che la scuola coinvolge nel corso dell’anno in progetti e iniziative di rilievo. Appartiene allo stesso team anche Yuetong Shi: talentuosa ex studentessa cinese di Istituto Marangoni che si è occupata dell’intero progetto grafico della mostra.

“Memphis. Il colore degli oggetti è un progetto corale, articolato e davvero stimolante per la School of Design: gli studenti, gli alumni e i docenti hanno accolto questa proposta con entusiasmo ma, soprattutto, grande rispetto e desiderio di approfondire e conoscere a fondo un Movimento chiave della storia del design e che nasce proprio a Milano. Un’esperienza che mi auguro possa arricchire la sensibilità dei nostri talenti e sia di stimolo per chiunque desideri visitare la mostra.” Aggiunge Massimo Zanatta, Director di Istituto Marangoni Milano Design.

L’iniziativa conferma, ancora una volta, il ruolo centrale di Istituto Marangoni nel dibattito culturale legato al tema del progetto, offrendo a Milano e a tutti gli appassionati di design una esperienza unica per guardare ai momenti storici più fertili come punto di partenza per disegnare il futuro.

 

 

“MEMPHIS. IL COLORE DEGLI OGGETTI”
Istituto Marangoni Milano Design
Via Cerva, 24

Testi a cura di Stefano Caggiano – Programme Leader di Product Design
Progetto allestitivo: Gustavo Martini
Progetto grafico: Yuetong Shi

Dal 28 settembre al 10 ottobre 2020
dalle ore 9.00 alle ore 19.00

 

Istituto Marangoni
Istituto Marangoni nasce nel 1935 a Milano come Istituto Artistico dell’Abbigliamento Marangoni e nel 2020 raggiunge un importante traguardo, 85 anni di successi nella formazione dei migliori professionisti nel mondo della moda e del design. Con un bilancio formativo di quattro generazioni di studenti provenienti dai 5 continenti, è stato il trampolino di lancio per oltre 45.000 professionisti della moda e del lusso, tra i quali citiamo Domenico Dolce, Franco Moschino, Alessandro Sartori, Maurizio Pecoraro, Paula Cademartori, Andrea Pompilio e Lucio Vanotti. Istituto Marangoni conta oggi oltre 4.000 studenti l’anno, provenienti da 107 differenti nazioni, nelle scuole di Milano (School of Fashion e School of Design), Firenze (School of Fashion & Art), Parigi, Londra, Mumbai, Shanghai, Shenzhen e Miami, le capitali internazionali della moda, del design, dell’arte e del lusso. Visita istitutomarangoni.com.

 

 

 

Fonte:

Ufficio stampa Istituto Marangoni • Weber Shandwick

I commenti sono chiusi.

0 %

X

Informativa

Noi e alcuni partner selezionati utilizziamo cookie o tecnologie simili come specificato nella cookie policy. 

Per quanto riguarda la pubblicità, noi e Facebook e Google, potremmo utilizzare dati di geolocalizzazione precisi e fare una scansione attiva delle caratteristiche del dispositivo ai fini dell’identificazione, al fine di archiviare e/o accedere a informazioni su un dispositivo e trattare dati personali (es. dati di navigazione, indirizzi IP, dati di utilizzo o identificativi univoci) per le seguenti finalità: annunci e contenuti personalizzati, valutazione dell’annuncio e del contenuto, osservazioni del pubblico; sviluppare e perfezionare i prodotti. Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento, come da istruzioni contenute nella cookie policy.

Impostazioni cookie

Below you can choose which kind of cookies you allow on this website. Click on the "Save cookie settings" button to apply your choice.

FunzionaliOur website uses functional cookies. These cookies are necessary to let our website work.

AnaliticiOur website uses analytical cookies to make it possible to analyze our website and optimize for the purpose of a.o. the usability.

Social mediaOur website places social media cookies to show you 3rd party content like YouTube and FaceBook. These cookies may track your personal data.

PubblicitariOur website places advertising cookies to show you 3rd party advertisements based on your interests. These cookies may track your personal data.

AltriOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.