Cucine

Idee e consigli per arredare una cucina stretta e lunga

Pensi che arredare una cucina stretta e lunga sia un’impresa? In realtà, con le giuste accortezze può essere più facile del previsto: bisogna aguzzare l’ingegno per ottimizzare gli spazi e puntare sull’essenziale!

La cucina è il luogo della fantasia, della personalità e della convivialità, e ha assunto un ruolo sempre più importante nelle abitazioni. Eppure, gli appartamenti contemporanei sono caratterizzati da spazi limitati e spesso ci si trova a fare i conti con una cucina lunga e stretta. Come fare in questi casi per ottenere un ambiente di design e altamente funzionale?

D’altronde, in questo tipo di cucina non ci sono molte possibilità di scaffalatura, gli armadietti occupano quasi ogni centimetro di parete e non c’è molto spazio per mobili ingombranti.

Non bisogna arrendersi però: ci sono molti modi per farla sentire spaziosa e accogliente senza sacrificare troppo la funzionalità. Ecco alcune idee per arredare la cucina stretta e lunga in modo che risulti comoda, utile e bella!

Arredare una cucina stretta e lunga: la parola d’ordine è verticalità

Prima di tutto bisogna ottimizzare gli spazi: una cucina lunga e stretta va pensata in verticale! Un armadio verticale è un mobile che si appende alla parete, invece di essere appoggiato sul pavimento, facendo guadagnare superficie calpestabile e riducendo l’ingombro. Si tratta di una soluzione intelligente per arredare una cucina piccola, ancora di più se si tratta di un ambiente lungo e stretto. Attenzione allo spessore però: essendo una cucina stretta, il mobile verticale non deve sporgere troppo dalla parete.

Un’idea è quella di pensare a più mensole ad altezze diverse, quasi a creare un percorso estetico e funzionale. In cucina lo spazio di stoccaggio non basta mai e avere più pensili sospesi può aiutare a rendere l’ambiente comodo.

A proposito di spazi verticali, la superficie in alto di mobili ed elettrodomestici risulta spesso inutilizzata. Questo non può capitare in una cucina lunga e stretta: set di pentole sopra il frigo ed elettrodomestici smart sulla dispensa verticale. Il tutto con ordine e precisione: il disordine fa sembrare ogni spazio più piccolo!

Soluzioni per cucine lunghe e strette: una questione di luci e colori

Una cucina buia e disordinata sembrerà sempre più piccola e più stretta di quello che realmente è. Ecco perchè i punti luce vanno studiati attentamente in un ambiente di questo tipo.  Sono da evitare lampadari pendenti e punti luce sospesi, che rischiano di dare un senso di chiusura e oppressioni. Un’idea intelligente sono i faretti orientabili a binario o quelli a incasso, che non occupano spazio e rendono l’ambiente molto luminoso. E perchè non puntare sulle lampadine smart? In questo modo sarà possibile creare un’atmosfera dolce e sospesa anche in uno spazio angusto.

Allo stesso modo bisogna fare grande attenzione ai colori: tonalità vivaci e shocking non faranno altro che esaltare la limitatezza dello spazio. Meglio puntare su colori neutri e semplici, dai classici bianco e nero, fino alle sfumature di grigio e marrone. Per una cucina moderna lunga e stretta si può optare per tonalità pastello delicate, come l’azzurro, il verde o il rosa.

Qualche idea in più!

Arredare una cucina lunga e stretta significa usare l’intelligenza per ottimizzare gli spazi. E allora la scelta giusta non possono che essere i robot da cucina multifunzione. Questi elettrodomestici, infatti, svolgeranno un triplice compito. Da un lato saranno indispensabili per preparare ricette gustose e divertirsi in cucina; dall’altro, grazie alla multifunzionalità, uniscono in un unico elemento diversi elettrodomestici, permettendo di risparmiare centimetri importanti; infine, costituiscono accattivanti oggetti di design che completano l’arredo.

Alessandro Chiarabini
Alessandro Chiarabini, 24 anni, due lauree e ancora tanta voglia di imparare. Il filo conduttore della mia formazione, dal liceo classico alla magistrale in pubblicità, passando per la triennale in filosofia, è sempre stata la comunicazione: comunicare significa condividere, entrare in relazione, stabilire un contatto. Per questo mi piace scrivere e raccontare di tutto quello che conosco e che vorrei conoscere: parlare è il modo migliore per aprire infinite possibilità di incontro. E cosa rappresenta l’unione e la convivialità meglio della casa? Quindi eccomi qua a parlare di arredamento, dettagli e sfumature, per entrare nelle case di tutti e conoscere, come diceva Wittgenstein, nuove “forme di vita”.

    More in:Cucine

    Comments are closed.

    0 %