Complementi d'arredo

Arredare con le fotografie una parete: per una casa intima e personale

Per una casa intima e personale, che rifletta il carattere di chi la abita e la vive, arredare con le fotografie una parete è la scelta giusta. D’altronde casa è il luogo del cuore, dove sentirsi bene, rilassarsi o rifugiarsi nei momenti difficili. Arredare le stanze con le fotografie aiuterà a creare un ambiente in cui è sempre bello tornare.

Ci sono diversi motivi per arredare con le fotografie una parete. Può essere una scelta stilistica e scenografica per gli amanti dell’arte fotografica; può essere un’opzione romantica per raccontare attraverso gli scatti la propria storia, ricordare i viaggi e i momenti felici; ma potrebbe anche trattarsi di un’esigenza logistica, perché magari essendo in affitto non è opportuno dipingere le pareti o intervenire con interventi strutturali. 

Da questo punto di vista le foto hanno un grandissimo potenziale di design e sono tornate fortemente di tendenza negli ultimi anni. Lo stile minimalista predilige un arredo essenziale e le fotografie, con la loro semplicità e contemporaneamente profondità, sono l’arredo ideale.

Arredare con le fotografie una parete: rendere accogliente un ambiente

Ci sono tante idee per arredare con le fotografie una parete: utilizzare scatti personali, come viaggi o momenti in famiglia; si possono scegliere foto di repertorio e riproduzioni di quadri famosi; oppure optare per uno stile fotografico e collezionare i migliori scatti secondo quella linea estetica. E se mancano le idee non bisogna preoccuparsi. Basta trovare una parete vuota da utilizzare come tela bianca e lasciarsi ispirare dando libero sfogo alla fantasia. 
Un’idea originale è quella di usarle per creare una storia di colori. Ad esempio, il rosso e l’arancione sono colori caldi e invitanti, quindi si possono scegliere foto di foglie, zucche autunnali e fiori variopinti. Il blu è un colore rilassante, perfetto per le camere da letto: qui si possono usare foto del mare, del cielo o fiori come le orchidee. Un’alternativa è usare foto di oggetti come caffè, cioccolato o libri, perfetti per una zona studio. È anche possibile mescolare e abbinare i colori in un unico collage.
La fotografia, esattamente come la casa, è altamente personale: deve rispecchiare la personalità e quindi non c’è una regola da seguire.

Scegliere la cornice giusta e come disporre le fotografie

La fantasia e la libertà nell’arredare casa con le fotografie non consiste solo nei soggetti degli scatti, ma anche nella dimensione delle foto, nella loro forma e composizione, senza dimenticare la cornice. È possibile scegliere quante foto disporre sulla parete e dove posizionarle, creando un collage o un mosaico, oppure uno schema geometrico ben preciso.

Per un soggiorno classico moderno, per esempio, il consiglio è di optare per le intramontabili cornici in legno, magari in un essenza moderna come il faggio, il rovere o il noce canaletto. Se invece si vuole arredare la parete di un soggiorno minimal, la scelta non può che andare su cornici sobrie e geometriche, preferibilmente scure e in acciaio.
Quale ambiente domestico è più personale della camera da letto? Si tratta della stanza dell’intimità e della riservatezza, quindi le foto costituiscono la decorazione ideale. Un legno dall’essenza chiara e delicata come l’abete bianco è perfetta per fare da cornice alle fotografie in una camera da letto in stile nordico. Per chi invece vuole puntare su un look contemporaneo all’interno di una camera da letto industrial chic, il consiglio è di optare per cornici in vetro trasparenti, che daranno l’effetto di fissaggio sul muro. La foto diventa quasi poster da parete, ma più personale e intimo!

Come decorare una parete con foto

Non solo soggiorno e camera da letto! Le foto possono decorare ogni parete della casa, basta stare attenti a come e dove posizionarle. Per esempio, una cucina shabby chic, con i suoi richiami al passato e al rustico, ospita perfettamente foto d’epoca o a tema bucolico. Una cucina industriale, invece, privilegia scatti geometrici e neutrali, magari puntando sul black&white. Ma anche una cucina piccola, con i suoi spazi ridotti e il suo senso di intimità, può ospitare qualche bella cornice con foto di famiglia o eventi felici.

L’importante è stare attenti allo stile che si vuole dare all’ambiente. Le foto non dovranno essere degli elementi a sé stanti, completamente scollegati dal resto dell’arredo. È importante che sia i soggetti sia le cornici dialoghino in primis con la parete che ospita le fotografie e, in seguito, con mobili e complementi.

Alessandro Chiarabini
Alessandro Chiarabini, 24 anni, due lauree e ancora tanta voglia di imparare. Il filo conduttore della mia formazione, dal liceo classico alla magistrale in pubblicità, passando per la triennale in filosofia, è sempre stata la comunicazione: comunicare significa condividere, entrare in relazione, stabilire un contatto. Per questo mi piace scrivere e raccontare di tutto quello che conosco e che vorrei conoscere: parlare è il modo migliore per aprire infinite possibilità di incontro. E cosa rappresenta l’unione e la convivialità meglio della casa? Quindi eccomi qua a parlare di arredamento, dettagli e sfumature, per entrare nelle case di tutti e conoscere, come diceva Wittgenstein, nuove “forme di vita”.

    Comments are closed.

    0 %