Case VIP e di lusso

Arredamento di un appartamento d’epoca: sobrietà e ricercatezza

Eleganza e sfarzo, sobrietà e ricercatezza: ecco le parole d’ordine dell’arredamento di un appartamento d’epoca.

Nel passato le case antiche si caratterizzavano per ampi spazi, arredi voluminosi, tessuti raffinati, decorazioni e complementi preziosi. Come ricreare questo stile ricercato negli appartamenti contemporanei? E invece, su quali elementi puntare per rinnovare l’arredamento di un appartamento d’epoca senza perderne il gusto e lo stile antico?

Molto dipende dalle preferenze personali e dalle esigenze logistiche. Per esempio, si potrebbe modernizzare lo stile antiquato con alcuni elementi contemporanei per creare una nuova combinazione vincente, in stile eclettico.  Oppure puntare su pezzi d’antiquariato per dare un carattere ancora più deciso alla propria abitazione.

Ecco alcune idee per arredare un appartamento d’epoca puntando sulla classicità e sull’eleganza della storia.

Arredamento in stile antico: colori, materiali e finiture

Prima ancora dei singoli elementi e complementi d’arredo, un appartamento d’epoca è tale per l’atmosfera che crea. Un’ambientazione sospesa nel tempo che catapulta indietro di svariati decenni, mantenendo un fascino e una ricercatezza che ancora oggi entusiasmano gli occhi.

Per un salto indietro nel tempo, i colori da prediligere sono beige e marrone, ideali per ricreare un’atmosfera nostalgica e sognante. Anche le tonalità avorio e crema, per pavimenti e rivestimenti, sono molto indicate. Per i mobili bisogna orientarsi su essenze scure e pregiate, come l’ebano, mentre per le finiture non può mancare l’oro.

A livello di materiali, la pietra naturale rende viva l’antichità. Ancora più sul classico va il marmo, per esempio un pavimento in stile veneziano. Vasi da interni di porcellana a terra, contenenti una pianta signorile come il ficus, possono completare ogni ambiente, dalla zona living alla sala da pranzo.

Per quanto riguarda le pareti, una soluzione alternativa può essere la carta da parati. Si tratta di un rivestimento più vintage e retrò che antico, ma la giusta scelta può restituire l’effetto desiderato. Una carta da parati in stile classico, con motivi storici o barocchi damascati, può ricordare le ville nobili e le abitazioni gentilizie.

Per quanto riguarda i tessuti invece quello più indicato è il velluto. Un appartamento d’epoca potrà essere arredato con diversi elementi in velluto. Dalle tende alle poltrone in velluto ideali per una zona lettura dove poter passare dei piacevoli momenti di relax.

Arredamento d’epoca: camera da letto

Entrando in una camera da letto arredata in stile antico sembrerà di varcare un confine spazio-temporale. Una stanza che ricorda le ville ottocentesche, un’atmosfera sospesa che riporta in auge il passato. Tutto passa dalla scelta dei principali elementi d’arredo ma anche dai loro complementi.

Per il letto, cardine della camera, una scelta ideale è il letto a baldacchino. Una struttura architettonica che riprende le abitazioni della nobiltà e l’arte classica. Un’ottima alternativa è il letto con testiera imbottita, magari con decorazioni geometriche e linee pulite. La testiera imbottita riesce a coniugare grande comodità con uno stile estetico legato al passato, con alcuni richiami al design contemporaneo.

L’altro elemento centrale è l’armadio per la camera da letto. Qui bisogna andare sul legno pregiato e intarsiato: il mobile diventa opera d’arte. Sempre in questa direzione devono andare cassettiere, comodino e scrivania, ancora meglio se uno scrittoio, vero e proprio pezzo d’antiquariato.

Per l’illuminazione, al centro della stanza è consigliato un lampadario pendente con cristalli, simbolo dell’arredamento d’epoca per antonomasia. Sulla scrivania e sul comodino vicino al letto, invece, vanno bene lampade dalle forme sinuose e arrotondate, magari con paralumi decorati. Le tende damascate, infine, sono l’ideale per giocare con la luce naturale e creare un’ambientazione da film storico.

Arredare un appartamento d’epoca: il bagno

In un’abitazione d’epoca la sala da bagno è di grandissima importanza. Non si tratta del tradizionale bagno di servizio ma di una stanza interamente dedicata alla cura del proprio corpo. Il bagno di un appartamento in stile antico deve essere avvolgente, per trasmettere benessere e relax, facendo perdere il senso del tempo.

Un elemento cardine è la vasca freestanding, scultorea e marmorea nella sua posizione libera, elegante e ricercata nelle sue forme. La vasca ovale sembra abbracciare l’ambiente e il corpo: l’ideale per creare un’atmosfera romantica e soffusa. Chi invece predilige le linee pulite e tradizionali può orientarsi sulla forma rettangolare, più versatile e tradizionale.

Un lavabo dalle linee arrotondate, con pomelli in porcellana o in ottone, completa la parte idraulica. Al di sopra, un grande specchio circolare con cornice dorata o decorata con motivi classici.

Per il colore, molto ricercato è il cosiddetto rosa antico. Questo non solo per la sua ricercatezza e finezza, ma anche per la possibilità di abbinarlo alle tonalità tipiche del lusso dell’arredamento d’epoca. Il rosa antico, infatti, si integra perfettamente con le sfumature del beige e del marrone, ma non teme i dettagli in oro e argento. Per le pareti della sala da bagno di un appartamento d’epoca è il colore ideale, che unisce in maniera unica sobrietà ed eleganza.

Alessandro Chiarabini
Alessandro Chiarabini, 24 anni, due lauree e ancora tanta voglia di imparare. Il filo conduttore della mia formazione, dal liceo classico alla magistrale in pubblicità, passando per la triennale in filosofia, è sempre stata la comunicazione: comunicare significa condividere, entrare in relazione, stabilire un contatto. Per questo mi piace scrivere e raccontare di tutto quello che conosco e che vorrei conoscere: parlare è il modo migliore per aprire infinite possibilità di incontro. E cosa rappresenta l’unione e la convivialità meglio della casa? Quindi eccomi qua a parlare di arredamento, dettagli e sfumature, per entrare nelle case di tutti e conoscere, come diceva Wittgenstein, nuove “forme di vita”.

    Comments are closed.

    0 %